Antivirus migliore: migliori software antivirus e contro malware e trojan, classifiche, guida alla scelta

Principio di funzionamento dell’antivirus

L’antivirus è un software progettato per rilevare e sradicare i virus dal computer e adottare misure per impedire loro di causare danni. Gli antivirus sono programmi diventati sempre più essenziali nel corso degli anni. Infatti, coloro che ricordano gli inizi di Internet, possono ricordare che in precedenza si poteva navigare tranquillamente sul Web usando un semplice firewall, purché si prestasse attenzione a quello che si scaricava.

Oggi quell’era è finita. I siti Web pericolosi sono tantissimi, possono infettare tramite plug-in Flash o Java e in molti altri modi diversi. Il funzionamento dell’antivirus non consiste solo nell’analisi dei file del sistema, poiché se un file è infetto, il danno ormai è fatto. Il ruolo dell’antivirus consiste soprattutto nel prevenire l’attacco virale, analizzando il comportamento dei file.

Per rilevare un virus il programma usa diverse tecniche come l’identificazione della firma, che si chiama anche scan.

È il metodo più antico e ampiamente utilizzato e consiste nell’analizzare il disco rigido per trovare la firma di eventuali virus che sono presenti nel database del software, se è aggiornato e se conosce questa infezione. La firma è un pezzo di codice o una stringa di caratteri del virus che lo identifica.

Ogni virus ha la sua firma, che deve essere nota all’antivirus. Questo metodo non è efficace contro i nuovi virus o i cosiddetti virus polimorfici, la cui firma cambia ad ogni replica. Il vantaggio della tecnica di scansione è che consente di rilevare i virus prima che vengano eseguiti nella memoria di sistema. Per rimanere efficace, l’antivirus deve fare un aggiornamento regolare delle firme tutti i giorni o quasi.

Controllo di integrità e analisi euristica

Il controllo dell’integrità di un file consiste nel verificare che non sia stato modificato o alterato nel tempo. L’antivirus, per verificare l’integrità dei file, memorizza un file centrale dove sono elencati tutti i file presenti sul disco a cui saranno associate le informazioni che possono cambiare quando il file è modificato.

La data e l’ora dell’ultima modifica e il checksum, se presente. Quando viene eseguita un’analisi o quando il file viene aperto se l’antivirus risiede in memoria, l’antivirus ricalcola il checksum e verifica che gli altri parametri non siano stati cambiati. Se trova un’anomalia, informa l’utente.

Per contrastare la protezione, i virus non cambiano la data di modifica del file o la ripristinano.

L’analisi euristica è il metodo più potente che ci sia, perché può trovare possibili virus sconosciuti. La scansione cerca di individuare la presenza di un virus analizzando il codice di un programma sconosciuto e simulandone il funzionamento. A volte provoca falsi avvisi, detti in gergo falsi positivi, che sono file innocui identificati come infetti.

L’antivirus controlla costantemente il comportamento dei programmi in esecuzione e ispeziona tutti i file modificati e creati. L’analisi euristica non è mai fatta da sola, ma insieme ad altri metodi ed è essenziale quando si naviga in Internet. Se trova un virus, l’antivirus può ripararlo, eliminarlo o metterlo in quarantena in una cartella sicura sul disco rigido.

Il primo virus della storia

La storia degli antivirus ha origini antiche, per la precisione affonda le radici negli anni ’50. È stato allora che un fisico informatico ha dimostrato la possibilità di costruire un programma capace di replicarsi. Questo concetto è stato realizzato in pratica negli anni ’60 da un gruppo di programmatori che aveva ideato un gioco nel quale bisognava sovrascriversi a vicenda.

Il termine virus è stato coniato per la prima volta nel 1984, durate degli esperimenti informatici negli Stati Uniti. Un virus, era stato ribadito, è un programma che copia una versione evoluta di sé stesso. Nel corso degli anni ’70 sono stati scritti alcuni romanzi sui virus, ma si può dire che la vera esplosione c’è stata nei personal computer degli anni ’80.

Il primo virus creato per il sistema operativo DOS si propagava tramite floppy disk. Si trovava nel settore di avvio del disco rigido e si caricava ad ogni partenza del sistema operativo.

All’epoca i floppy disk erano il metodo migliore di trasmissione dei virus, ma negli anni ’90 è arrivata la rete Internet, che è diventata il principale veicolo di propagazione di file infetti. Oltre ai virus auto-replicanti, negli anni ’90 sono stati inventati i trojan e il malware in generale, usando la posta elettronica come scambio principale.

Il primo virus mondiale è stato inventato da due fratelli pakistani nel 1986 e infettava il settore di avvio del DOS. In seguito, mediante la rete Internet sono comparsi i virus polimorfi, ovvero i trojan con una sequenza di byte identificabili in maniera univoca.

Il primo trojan

Il primo cavallo di Troia famoso si chiamava AIDS ed era scritto in Pascal per il sistema operativo DOS. Sovrascriveva i file sfruttando la vulnerabilità del software. Nel 1995 c’è stato il primo macro virus di tutti i tempi scritto nello stesso linguaggio di Word. Infettava il programma Microsoft Office e la propagazione avveniva tramite lo scambio di documenti e testi scritti.

Uno dei virus più famosi della storia è nato nel 1998 su Internet. Sovrascriveva il file BIOS della scheda madre e modificava le partizioni dell’hard disk ogni 26 del mese. Uno dei virus che hanno fatto la storia è stato Happy99 del 2000, che si diffondeva attraverso la posta elettronica e i forum di discussione.

Uno dei virus considerati a più alta diffusione di tutti i tempi è stato Melissa del 1999, che ha causato più di un miliardo di euro di danni.

Questo macro virus usava il linguaggio di altri programmi colpendo sistemi operativi Microsoft e la suite Microsoft Office. La propagazione avveniva tramite un messaggio di posta elettronica contenente un allegato che portava a siti pornografici. Se malauguratamente l’utente apriva l’allegato, il codice del virus infettava il computer.

Il sistema operativo stesso ne era vittima, così come il client di posta elettronica Outlook. Il worm spediva una copia di sé stesso ai nominativi presenti nella rubrica. La diffusione a livello mondiale di Melissa è stata immensa, al punto che Microsoft è stata costretta a sospendere i servizi di posta elettronica per contenerla.

Ai giorni nostri i virus e tutte le loro varianti sono estremamente diffusi tramite Internet, tanto è vero che è necessario dotarsi sempre di un buon software antivirus. Anche Windows ne ha uno integrato gratuito, perché la rete Internet nasconde moltissime insidie che attaccano gli utenti da tutti i fronti.

Marche di antivirus migliori

Sono in pochi a non conoscere l’antivirus Norton, sulla breccia ormai da decenni. L’azienda che lo produce è stata fondata nel 1990 ed è riuscita a rimanere al passo coi tempi per contrastare tutte le nuove infezioni di ogni anno. Questo antivirus è uno dei più sofisticati esistenti ed è stato prodotto per anni da Symantec.

Oggi l’azienda che lo produce si chiama Norton LifeLock e ogni anno finisce sempre ai primi posti nelle classifiche stilate dai siti di comparazione. Negli anni ’90 è stato il sistema di protezione Internet più diffuso del mondo ed oggi include tre tipologie di protezione: Standard, Deluxe e Premium.

Si tratta di un antivirus a pagamento disponibile da 1 a 10 computer Macintosh e Windows.

Attualmente è disponibile anche per smartphone e tablet e protegge non solo da virus, ma anche da malware, ransomware, spyware e qualunque genere di infezione si possa trovare in rete. Ovviamente include un sistema di firewall e un certo numero di gigabyte disponibili nel cloud.

McAfee è un’azienda nata sul finire degli anni ’80 negli Stati Uniti. Si occupa di sicurezza informatica, ha sede in California e per alcuni anni è stata di proprietà di Intel. Deve il nome al suo fondatore John McAfee e si è riuscita a imporre sul mercato sin dagli inizi, rivaleggiando con Norton ai tempi delle grandi infezioni di macro virus.

Antivirus in prova gratuita

Oggi la produzione di McAfee è diversificata in antivirus per la casa e per le aziende, entrambi a pagamento e disponibili per Windows, Macintosh, iOS e Android. L’abbonamento protegge da qualunque cosa durante navigazione Internet e ripara da virus e malware per poter navigare con sicurezza evitando gli attacchi informatici.

Offre un servizio di assistenza on-line in tempo reale, raggiungibile dal sito Web che ha una interfaccia molto chiara e adatta anche a chi non è esperto di computer. Qui ci sono tutte le domande frequenti che possono sorgere riguardo ai computer e ai prodotti McAfee, consultabili in italiano e scritte in maniera semplice e comprensibile.

Tutti i prodotti McAfee sono disponibili per una prova gratuita di 30 giorni, basta scaricarli e installarli.

Le versioni coprono fino a 10 dispositivi ed hanno un costo annuale variabile, leggermente superiore rispetto a Norton. Un antivirus disponibile in versione gratuita oppure a pagamento molto conosciuto è Avira. Costa poco ed è fruibile in due varianti, soltanto antivirus oppure protezione Internet completa.

La prima versione del software antivirus è stata sviluppata nel 1986 dall’azienda tedesca che lo ha gestito fino al 2006. Per uso personale il programma è gratuito e offre una protezione residente, ovvero individua eventuali virus ogni volta che si apre un file. La scansione può essere manuale oppure, nella versione a pagamento, si possono programmare scan a proprio piacimento.

Attualmente rileva oltre ai virus anche spyware e adware e c’è anche in italiano, come del resto gli altri due appena citati. Nonostante sia gratuito, l’antivirus Panda blocca i malware nel cloud, protegge la posta elettronica e offre supporto gratuito agli utenti. La suite di protezione completa Internet in più migliora le prestazioni del computer e include crittografia dei dati e protezione per le famiglie.

Soluzioni complete e potenti

L’antivirus Avira è disponibile per Windows, Macintosh, sistemi operativi Android e iOS. Bitdefender è un software antivirus più recente, infatti la nuova versione risale al 2010. In realtà è stato lanciato per la prima volta nel 2001 da un’azienda rumena che in seguito si è scissa.

L’antivirus Bitdefender è uno dei più premiati del mondo e offre soluzioni per la casa, per l’azienda e per i rivenditori. Dal 2001 i prodotti sviluppati sono stati sempre migliori e al passo con i tempi, vincendo le classifiche di software antivirus dei siti Web di comparazione. I prodotti per la sicurezza coprono persone, aziende, reti e servizi cloud.

Si stima che attualmente l’antivirus Bitdefender sia usato dal 38% di utenti del mondo, con più di 500 miliardi di sistemi coperti in oltre 150 paesi.

I prodotti disponibili sono una vasta gamma, dal semplice antivirus alla soluzione Premium di sicurezza completa per famiglia e ufficio. Anche la gamma mobile è molto vasta, così come i servizi multi-piattaforma, disponibili anche dal sito Web mediante abbonamento normale o Premium.

I prezzi sono in linea con i migliori antivirus in circolazione. Considerando che questo è altamente sofisticato, è un pochino pesante, il che però è normale con le numerose funzioni che offre. Volendo è possibile acquistare un abbonamento mensile a poco prezzo, ma se si compra quello annuale si risparmia notevolmente.

I migliori antivirus per il gaming

Kaspersky è un’azienda russa fondata nel 1997 che non ha bisogno di presentazioni. Si è specializzata sin dagli inizi in software per la sicurezza informatica, realizzando numerose soluzioni per la protezione completa della navigazione in rete. Dal 2005 al 2010 si è espansa all’estero, fino ad avere oggi più di 3.900 dipendenti in tutto il mondo.

La linea di prodotti è divisa tra computer Windows, Macintosh e dispositivi mobili per privati o aziende. Anche in questo caso la protezione consiste in un abbonamento annuale per coprire da 1 a 5 computer. I prezzi sono variabili per tre soluzioni: Antivirus, Internet Security oppure Total Security.

In proporzione si risparmia a comprare la sicurezza totale, perché si tratta di una suite con antivirus, anti-spyware, anti-keylogger, protezione con crittografia di tutti i dati, sicurezza famiglia e perfino la protezione delle Webcam per evitare di essere spiati in casa. È considerata una delle migliori difese per lo shopping on-line, grazie ad una protezione dei numeri della carta di credito e dei dati personali molto efficiente.

Un antivirus specificatamente progettato per il gaming è Bullguard.

Ottimizza il sistema mentre si gioca ed ha molte funzionalità tra cui il controllo genitori. Offre un backup su cloud sicuro, un firewall che protegge da tutto e un sistema di liberazione di risorse per assicurare che i giochi funzionino rapidamente. Durante una partita a volte ci sono fastidiosi popup, che Bullguard blocca senza pietà.

Il gioco sarà molto più fluido e senza interruzioni, evitando falsi positivi come spesso capita durante le gare, obbligando l’utente a interrompere oppure addirittura disabilitare l’antivirus. I prezzi di Bullguard sono tra i più economici in circolazione e l’abbonamento si può acquistare su Internet per un computer e più dispositivi Windows, Macintosh, Android o iOS.

La protezione per il phishing più efficace

Le soluzioni offerte da Bullguard sono tre, di cui la più costosa copre fino a 10 computer per un anno. Il prezzo è comunque molto economico rispetto agli altri antivirus a pagamento in circolazione. Per essere protetti dal phishing e dal furto di identità uno dei più conosciuti antivirus è Trend Micro.

Le truffe su Internet più diffuse sono perpetrate da hacker che si spacciano per aziende conosciute e si propagano attraverso la posta elettronica. Sono tra le più insidiose. Facilmente l’utente rimane ingannato da un’e-mail che apparentemente sembra identica a quella della propria banca o di altri siti nei quali si è regolarmente iscritto.

In realtà cliccando sui link si viene portati in un sito Web che scarica virus, trojan o qualunque altro genere di file dannoso.

L’antivirus di base Trend Micro protegge fino a due dispositivi, quello più avanzato fino a 25 dispositivi e la sicurezza Premium da 6 a 10 dispositivi, in aggiunta al supporto di assistenza 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Trend Micro è una multinazionale con sede in Giappone fondata nel 1988. Il sito Internet e il software sono disponibili anche in italiano.

On-line si possono avere tutte le informazioni necessarie e comprare la propria soluzione di sicurezza per tutte le esigenze. Il supporto tecnico è ben fatto e l’assistenza si raggiunge tramite il sito nell’apposita pagina dedicata. I prodotti assicurano protezione da ransomware e da tutti i tipi di malware.

Antivirus gratuiti

Chi non conosce l’azienda tedesca Panda, famosa per avere diffuso in tutto il mondo gli antivirus gratuiti? I software sono in multilingua, tra cui l’italiano, e garantiscono sicurezza completa su Internet durante la navigazione. Gli aggiornamenti sono frequenti in background, ed esistono varie versioni del software che hanno un prezzo proporzionale alle licenze d’uso.

È possibile scaricare una versione di prova per 30 giorni, in maniera da verificare tutte le funzionalità offerte prima di pagare l’abbonamento. La produzione è divisa tra aziende e privati con varie offerte a prezzi differenti, comunque piuttosto economici. La protezione completa da tutte le minacce su Internet è un po’ cara, tuttavia esiste una versione gratuita che offre difesa in tempo reale con un firewall, anti-ransomware, controllo genitori e informazioni personali.

Le informazioni personali si possono crittografare anche nella versione gratuita e la privacy è garantita grazie all’accesso VPN da 22 località.

Il supporto è disponibile 24 ore su 24 tutto l’anno, ma solamente se si paga l’abbonamento. L’interfaccia è semplice ed essenziale, comprensibile anche ai meno esperti. Panda è una delle migliori soluzioni gratuite che ci siano, sebbene nel piano senza abbonamento non sia inclusa la protezione da ransomware e l’accesso VPN sia limitato.

Anche qui si può pagare mensilmente, il che è molto comodo e il prezzo non è particolarmente elevato, considerando il primo mese gratuito senza impegno.

Al Rey

Ex tecnico hardware e software con studi di ingegneria informatica alle spalle, mi dedico da tempo alla scrittura on-line e sono in procinto di iscrivermi all’Ordine dei Giornalisti. Ho qualche anno di esperienza in diversi settori, ma l’informatica è quello che preferisco perché lo conosco sin dalla nascita dei PC negli anni ’80. Mi piace seguire l’evolversi di invenzioni e nuove tecnologie e tenermi aggiornato sull’uscita di nuovi prodotti sul mercato.

Back to top
menu
antivirusmigliore.it